Lucchese Pontedera 1-0.Roba d’altri tempi,Giovanotti,avete reso onore al Calcio.

Lucchese Pontedera 1-0.Roba d’altri tempi,Giovanotti,avete reso onore al Calcio.

E se per un giorno ha girato bene,sbadato chi non ha pensato a guardare lassù,a snobbare l’energia sprigionata da tante anime fuse insieme come mai da queste parti.

A tanti cuori che battevano senza prevedere sbavature.
Falcone ci è sembrato il primo a suonare la carica a farci capire che dovevamo perdere la voce,usare ogni talismano e crederci…forse è così che dopo anche la Ovest ha messo la quinta e non ha più badato a togliere il piede dal pedale del gas.

Un susseguirsi di emozioni,esce lo striscione,uno dei più belli e rappresentativi fatti fin ora e arriva anche la sesta…non c’è più curva per oggi sul Porta Elisa,i rossoneri scalano le marce solo per la sgambatura tra gradinata e curva con due corse verso i due settori che dicono tutto,molto di più di quello che giornalmente sentiamo dai santoni del calcio in tv…molto,molto di più.

E’ evidente,come hanno ricordato tre amici oggi a chi scrive che era il 4 maggio….mi si è alzato l’umore ma temevo la trappola,la corsa al 93 sotto la ovest di quelli li,era quasi un incubo,smalltito in due giorni di meditazione,colpito da un lutto grosso per un intera comunità.Quel ricordarmi che era il 4 maggio…ha come ricollegato tutto,giornate come queste le ricorderemo per sempre.

Correggio come Oggi? Perchè no. Giovedì sera Nazareno eroe di quella cavalcata,rosso nero dentro,figlioccio di Egiziano ha ricordato in assenza per troppo dolore di Giulio a Noitv la figura di Don Beniamino..conosciuto grazie al corso pre matrimoniale di Igli Vannucchi..i due monelli d’oro della Lucchese di Bianchi e di quell’epopea che grida giustizia e chiede di dare dignità ad una squadra che dovrebbe essere tutta una città.

Una squadra,una famiglia,un esercito di soldatini al suo fianco che dovranno andare a giocare cm su cm nel centoquattordicesimo compleanno della sua storia il ritorno del primo turno di play out a Cuneo

Giovanotti…parola che porta ad un Uomo,anzi un OMONE…oggi un Giovanotto di quell’epopea,Carlo Pascucci era a tifare Lucchese.

Perchè ci sono amori che non finiranno mai.Grande Carlo Re di Lucca.

Non fate scherzi,e avvertite i custodi del bar ospiti di Cuneo.Ci fa una pippa a noi l’oktoberfest…quindi evitate figurette…NOI DI LUCCA,s’ha sete.

Lucchese Pontedera 1,4 maggio 2019,5 anni dopo la Pantera graffia ancora.
Lucchese Pontedera 2,roba d’altri tempi,Giovanotti avete reso onore al Calcio.

Commenti chiusi

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto.. Info | Chiudi