L’opinione di Giulio Castagnoli.Stavolta, fare di più, era praticamente impossibile.

L’opinione di Giulio Castagnoli.Stavolta, fare di più, era praticamente impossibile.

Una Lucchese già molto più che in emergenza si presentava, contro una buona Giana Erminio, contando anche l’assenza del suo Giocatore simbolo; si perché Fanucchi sta alla Lucchese, come Platini stava alla Juventus vincente degli anni ’80.

I ragazzi di Lopez si sono presentati senza sette elementi da considerare titolari; Capuano, Mingazzini, Nolè, Damiani, Bortolussi, Del Sante e, appunto, Il Giocatore. Un po’ troppo per sperare di raccogliere punti. Infatti la partita si è dipanata con gli ospiti che hanno giocato come fa il gatto col topo.

Il gol di Perna al 18′ rompe un equilibrio precario e l’espulsione di Baroni al 32′ affossa definitivamente le speranze rossonere; la Lucchese fa fatica a cose normali, figuriamoci in inferiorità numerica e senza il suo miglior elemento. Infatti, se si esclude un tiro di poco fuori di un buon Merlonghi, i rossoneri non impensieriranno mai il portiere ospite Tallento.

La ripresa è una sofferenza; Giana Erminio che stringe d’assedio l’area lucchese e si aspetta soltanto il colpo del ko,  con i rossoneri che non riescono a tener palla (ma questa è una costante, per la cronica mancanza di attaccanti in grado di fare il gioco sporco).

I gol di Pinardi (30′) e di Okyere (43′) mettono la parola fine ad una gara persa prima ancora di scendere in campo.

Un cinque e mezzo come voto di squadra, con sufficienze piene per Albertoni, Maini, Espeche, Arrigoni e Merlonghi autori di una buona prestazione; la squadra è comunque uscita tra gli applausi di tutto il pubblico, a dimostrazione che qualche fischio contro il Prato era giustificato dalla mediocre prestazione offerta.

Complimenti a chi ha deciso di chiudere tutto intorno al Porta Elisa, per la pericolosità degli 0 (zero) hooligans del Giana Erminio.

Intanto, domani, si gioca un’altra partita importante. L’Amministrazione Comunale, sollecitata più volte da Lucchese Partecipazioni, è riuscita a mettere insieme un gruppo di imprenditori lucchesi di primo livello; la palla passerà all’attuale società, quasi obbligata a prendere in seria considerazione (e possibilmente vendere) a chi, si diceva, non era interessato (imprenditori lucchesi) a rilevare la società.

Non ci sono più scuse perché, tra tutte le alternative, è SICURAMENTE l’unica.

Giulio Castagnoli,www.forzalucchese.net

Highlights da Dì  TV 89


Commenti chiusi

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto.. Info | Chiudi