Il dopo Arzachena-Lucchese.Il Professore Rossonero la vede così.Giu’ il cappello…one man show.

Il dopo Arzachena-Lucchese.Il Professore Rossonero la vede così.Giu’ il cappello…one man show.

 La partita che non ti aspetti.Una Lucchese straincerottata, trasfertona faticosissima e piena di disagi riesce a compiere un impresa davvero stoica e torna con tre punti da un campo storicamente avarissimo di soddisfazioni.
Le risorse umane oltre che tecniche di questi ragazzi sono davvero grandi, faccio fatica da vecchio custode della storia rossonera a trovare nel passato un gruppo cosi unito e cosi determinato come questo.
Lopez lo disse in settimana in sede di presentazione della partita la forza di questi ragazzi e’ grande e sta tutta in quei salvataggi sulla linea che consentirono il successo sulla corazzata grigia. E cosi e’ stato.

Unitamente alle grandi risorse umane un uomo su tutti si e’ messo lo smoking ed accompagna ai pomeriggi di gala la Pantera : Jacopo Fanucchi.
L’one man show e’ continuato anche in Sardegna pronto come un falco a gettarsi su uno sciagurato passaggio indietro proprio da quel Baldanzeddu evocatore di bei/brutti ricordi della gestione Giuliani, quasi come se volesse risarcire un debito, l’airone del Giannotti ringrazia si invola verso la porta biancoverde e va a sancire uno splendido vantaggio manco si chiamasse Lorenzo di nome (Insigne) e mette in banca vittoria e tre punti.

Con questo meraviglioso inizio di stagione il giovanotto ha inteso rispondere cosi al travagliatissimo rapporto instaurato fin dal suo arrivo a Lucca dopo i giusti e comprensibili fischi e cori vari che si era attirato per il poco nobile gesto della maglia nemica portata a simbolo dopo aver segnato alla squadra della tua citta’. Gia’ allora gli rimproverai una miglior gestione dei rapporti con la tifoseria magari spiegando e chiudendo con le scuse un gesto antipatico ma non avvenne.

Incasso’ con assordante silenzio, il tempo sara’ galantuomo penso’. E cosi e’ successo. Il giovanotto si e’ rimboccato maniche, tirato giu’ calzettoni e a suon di prestazioni maiuscole e gol ha abbattuto quello strato di diffidenza che ancora si portava appresso dimostrando di tenere e anche molto alla Pantera e alla sua gente che e’ anche la sua gente.

Di nuovo silenzi assordanti intorno alla societa’ come se la vicenda del passaggio dell quote ad altri gruppi non sia in procinto di accadere. Non ci piace per nulla. Anche sabato in Sardegna la squadra e’ stata semisnobbata con due giornalisti al seguito e senza una radiocronaca che avesse una parvenza di esser definita tale, fatta da casa ovviamente.

Ecco non ci stancheremo mai di dirlo ,la squadra e i pochi tifosi che la seguono  non si meritano tutto questo, ogni settimana dobbiamo sempre fronteggiare qualcuno o qualcosa che non ha legami ne con la storia ne’ con l’attualita’ rossonera come la recente esternazione di un noto allenatore di livello nazionale, che e’ intervenuto a gamba tesa dall’alto della superiorita’ morale di pregiudicato per il calcio scommesse,  sulla nota vicenda dell’intitolazione dello stadio.
Chiediamo solo un po’ piu’ di rispetto e un po’ di pace sportiva. E’ troppo ? Forza ragazzi. Forza Pantera.

professore rossonero  Luca Borghetti – Il professore rossonero.

foto da Gazzetta Lucchese


La partita della Lucchese da DìTV89

Commenti chiusi

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto.. Info | Chiudi