AZIONARIATO POPOLARE ITALIA, ANCORA UN PASSO AVANTI.

AZIONARIATO POPOLARE ITALIA, ANCORA UN PASSO AVANTI.

Importante incontro quello che si è tenuto sabato 19 gennaio a Bologna.

Dopo il convegno di Rimini del settembre scorso, l’appuntamento nella città felsinea ha rappresentato un ulteriore e concreto passo avanti verso la costituzione di una organizzazione nazionale degli Azionariati Popolari italiani.

Le delegazioni presenti ( Ancona, Arezzo, Cava dei Tirreni , Modena, Rimini, Roma, Taranto, Torino, Tortona, Venezia, Verona, oltre a quella ovviamente di Lucca United rappresentata da Ambrogi, Galligani e Claudio Tosi ) hanno definito e condiviso le finalità della costituenda associazione. Importante anche la proposta  di costituire gruppi di lavoro ( con il contributo di candidati di ogni singolo azionariato ) relativamente a temi quali la comunicazione, i rapporti con le diverse istituzioni sportive e non, promozione di eventi ecc.

A Bologna è stata ufficializzato anche un importante evento che avrà luogo a Roma sabato 2 marzo. Promossa dagli azionariati popolari italiani si terrà infatti nella capitale una tavola rotonda per discutere del rapporto società- tifosi e della crisi ( sempre più profonda ) del calcio italiano. L’incontro, moderato da un giornalista della Gazzetta dello Sport, vedrà la partecipazione di rappresentanti della Lega  di serie A e B ( ma  auspichiamo anche di qualche dirigente della fallimentare Lega Pro ). Probabile anche la presenza di un calciatore ed un allenatore per ascoltare la testimonianza ed il parere di chi vive il calcio “ sul campo”.Naturalmente al dibattito parteciperanno anche alcuni esponenti degli azionariati popolari, scelti e proposti dai vari gruppi. Una tavola rotonda che consentirà senza dubbio di promuovere ulteriormente il messaggio e la consapevolezza di come un altro calcio non sia solo possibile, ma anche necessario per salvare il calcio italiano dal disastro nel quale sta scivolando.

Una ulteriore interessante novità annunciata in occasione dell’incontro di sabato 19 è stata la realizzazione di un manuale, una sorta di vademecum, volto ad informare ed aiutare tutte quelle realtà che vorranno costituire in futuro un progetto di azionariato popolare. Manuale e “ guida pratica” al progetto di azionariato al quale contribuiranno anche i gruppi già operativi ( quindi Lucca United )  che porteranno una testimonianza delle proprie esperienze e del percorso svolto fino ad oggi.

Una nota a margine : per noi di Lucca United, partiti 15 mesi fa da soli, con il nostro progetto e la nostra passione, ma anche con  volontà  e determinazione di costruire qualcosa di nuovo per i colori rossoneri, questi incontri  rappresentano sempre un grande momento di arricchimento e riflessione.  Ci consentono di riflettere su quanto fatto e quanto andremo a fare. E ci aiuta lo scambio di opinioni con realtà simili a noi ( Rimni, Arezzo, Ancona ) dove tra l’altro l’Azionariato è già presente con piccole quote all’interno della società.

Da Bologna torniamo con ancora maggiore convinzione che il calcio italiano non possa fare a meno di coinvolgere responsabilmente i tifosi, e che soprattutto realtà come quella di Lucca United debbano essere vista da chi oggi guida la società come un risorsa e non come un problema. A buon intenditore…

Stefano GALLIGANI

Tifoso, socio fondatore e Presidente di Lucca United

Commenti chiusi

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto.. Info | Chiudi